• simomaveramente

Gestalt che?!

La Gestalt è l'approccio terapeutico che ho studiato e al quale faccio riferimento per gran parte del mio lavoro.

Non esistono approcci migliori di altri: esiste quello che funziona con la persona.

Naranjo riconosce alla Gestalt i funzionamento operativo, ancor prima che teorico.




La Gestalt è figlia della Psicanalisi e viene definita - Teoria della Forma, distinguendo cosa è in figura e cosa in sfondo nell’organizzazione del focus dell’attenzione - Teoria del Campo che ha come tema l’interazione tra individuo e ambiente. La Terapia della Gestalt utilizza un termine tedesco che significa struttura-forma e che tradizionalmente si riferisce al concetto insiemistico della omonima psicologia della percezione che mette in evidenzia l’attitudine a cogliere quell’insieme che dà senso e quindi supera la semplice sommatoria degli elementi costitutivi. Fu merito di Friederick Salomon Perls innestare i contributi sul terreno della teoria e della pratica psicoanalitica e di un’impostazione fenomenologico-esistenziale. Uno dei primi concetti su cui si fonda la Teoria, riguarda l’aspetto di “figura/sfondo” ossia l’organizzazione del campo percettivo proposto da Rubin che mi in risalto l’esistenza di una figura che rappresenta il focus dell’attenzione del soggetto. La fluidità tra figura e sfondo evita l’irrigidimento su figure che non consentono un’evoluzione del soggetto. I bisogni emergono come figure su uno sfondo. Una buona esperienza e quella della percezione di una buona figura dopo l’altra. Una buona figura è una figura chiara, ben distinta dallo sfondo e di forte interesse; i bisogni di una persona non si fondono l’uno con l’altro, né continuano a dominare il sistema una volta soddisfatti. L’alternanza tra figura e sfondo costituisce il ciclo dell’esperienza o ciclo della formazione e della distruzione della Gestalt. Secondo concetto fondamentale è definito come teoria del Campo, infatti il soggetto nella sua espressione di esistenza non fa altro che muoversi tra forze tra mondo interno e mondo esterno. Questo concetto è il fondamento dell’interazione tra permeabilità della cellula (mondo interno) dall’esterno dove la vita si svolge sul confine di contatto (decisione di cosa fare entrare, cosa ripudiare, cosa espellere). La sfera olistica è molto importante nell’evoluzione della Teoria, e Perls porta molti contributi grazie a numerosi viaggi ed esperienze che ha avuto nella vita. Assumere la posizione secondo cui, rinunciando a operazioni “inconsce” di comodo, ognuno è comunque responsabile delle proprie scelte e del proprio destino, ad un livello che può essere di maggiore o minore consapevolezza. Funzione di una persona che si propone in posizione di aiuto è quindi quella di favorire un processo di consapevolezza, di assunzione responsabile delle componenti che di fatto risultano operanti e di conoscenza di ciò che riguarda un possibile progetto di vita, che ha come oggetto il vero abbandono del sé. La Terapia della Gestalt è un modo di occuparsi di un altro essere umano per dargli la possibilità di essere se stesso, saldamente radicato nel potere che lo costituisce. La gestalt emergente è quella più urgente e non esiste una gerarchia di bisogni (identificata da Maslow). Altri componenti dell’approccio gestaltico sono lo psicodramma e l’approccio zen, mentre tra gli apporti più recenti troviamo l’Analisi Transazionale, la Bioenergetica e la Reintegrazione Primaria.


About Me

Sono Simone

quante volte nella vita hai detto o ti sei sentito dire "ma veramente?" ?

La gioia della scoperta, l'intuizione per qualcosa di nuovo, lo straordinario che entra nella vita di tutti i giorni oppure un insight che ti rende consapevole e ti fa fare scelte di vita... tutto questo è il mio Ma veramente.

Parlo di crescita personale in modo non convenzionale

Per saperne di più vai alla pagina del mio profilo.

Posts Archive

Tags

VUOI SCRIVERMI?

 

VUOI INFORMAZIONI

PER SESSIONI DI COUNSELING DEDICATE?

 

Sono a Milano in zona NoLo per incontri in presenza, oppure su piattaforma Skype

© 2021 by simomaveramente - simo@maveramente.it